Home>>Tavola rotonda "GUCH: ancora questo sconosciuto?"

Tavola rotonda "GUCH: ancora questo sconosciuto?"

7 febbraio , 2016 19:46

Al termine della prima giornata di congresso, è stata aperta una tavola rotonda dal titolo "GUCH: ancora questo sconosciuto?" moderata dal giornalista Guido Filippi, a cui hanno partecipato:

Stefano Domenicucci, Direttore Dipartimento Cardiologia ASL 3 Genovese, Sandro Mazzantini, Direttore Generale ICLAS, Paolo Petralia, Direttore Generale Ospedale Gaslini, Francesca Fassio, Rappresentante Associazione Cuore e mamma di un ragazzo GUCH e Fabio Schiavi, Rappresentante Federazione Associazioni GUCH.

In platea, medici e infermieri e ovviamente l'associazione Piccoli Cuori.

Il tema principale è la rete che è stata costruita in collaborazione tra il Dipartimento Cardiovascolare dell'Istituto "Giannina Gaslini" di Genova, il Dipartimento Cardiologia dell'Ospedale "A. Micone" di Sestri Ponente e l'Istituto Cardiologico Ligure di Alta Specialità, ICLAS di Rapallo, un'unità multidisciplicare di medici e specialisti dedicata proprio ai pazienti con cardiopatia congenita in età adulta.

La rete è presente, ma ha bisogno di essere continuamente aggiornata e rinforzata: in primo luogo la necessità che questo accordo tra aziende sanitarie non sia temporaneo, ma diventi definitivo, concreto e quindi che il "progetto GUCH" acquisti solidità e diventi la "realtà GUCH".

Altro tema emerso è la necessità di maggior dialogo tra i vari dipartimenti, perchè il paziente GUCH non ha solo bisogno di cure relative alla sua cardiopatia, ma crescendo e affrontando la vita con le stesse difficoltà che chiunque deve affrontare, può aver bisogno dell'assistenza e cura del reparto di Ortopedia, Chirurgia Generale, Oncologia, Ostretricia...

E infine, altro problema da affrontare a livello istituzionale, sollevato dalla nostra Enrica, riguarda la situazione di emergenza: un paziente GUCH, se colto da malore improvviso, non può essere trasportato in un qualunque ospedale, ma DEVE essere accompagnato subito al Gaslini o a Sestri Ponente, ovvero all'Istituto in cui è seguito.

per info, l'articolo relativo pubblicato sul quotidiano il SECOLO XIX secolo.jpg (111,86 kb)